news genuine


Tutti pronti per scartare la tipica Colomba pasquale!

Domani si celebra la Pasqua e, nel ricco menu della tradizione, non può proprio mancare il simbolo per antonomasia di questa festività : la Colomba.

Di origine lombarda, questo sostanzioso dolce è diffuso e apprezzato in tutto lo Stivale.
Le sue origini sono piuttosto recenti e, nella versione ufficiale, vengono fatte risalire ai primi decenni del Novecento, quando, a Milano, una nota azienda produttrice di Panettoni inventò un prodotto che consentisse di riutilizzare macchinari e ingredienti natalizi anche nei mesi successivi. Nasceva così la Colomba: una sorta di “dolce riciclato” con una forma legata alla tradizione cristiana e un glassa di mandorle in superficie.

In brevissimo tempo, grazie anche alla fama degli apprezzati panettoni del gruppo, la Colomba si diffuse rapidamente tra i consumatori, diventando quello che oggi conosciamo tutti come il dolce irrinunciabile della domenica di Pasqua.
In commercio ne esistono di diversi tipi, ma la preparazione classica prevede l’utilizzo di pochi e semplici ingredienti.

In particolare, nel 2005, il decreto di tutela adottato congiuntamente dal Ministero delle Attività Produttive e dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, ha individuato quelli che proprio non devono mai mancare nell’impasto base: farina di frumento; zucchero; uova di gallina di categoria A in quantità tali da garantire non meno del 4% in tuorlo; burro ottenuto direttamente ed esclusivamente dalle creme di latte vaccino (con un apporto in materia grassa butirrica in quantità non inferiore al 16%); scorze di agrumi canditi in quantità non inferiore al 15% ; lievito naturale costituito da pasta acida; sale.
Per quanto riguarda la glassatura superiore, il decreto parla di “una decorazione composta da granella di zucchero e almeno il 2% di mandorle”.
Un vero e proprio concentrato di gusto insomma, che, se vogliamo, diventa ancora più goloso nelle numerosissime varianti presenti sul mercato, spesso pensate per adattarsi alle tradizioni locali e regionali.

Troviamo così Colombe alla frutta secca e cioccolato, alla frutta classica o esotica, al limoncello, alle olive, al pistacchio, alla crema pasticcera, allo yogurt e perfino all’olio extravergine di oliva!

Ma qualunque sia la vostra preferita, c’è una cosa che accomuna le Colombe di tutta Italia, ovvero la forma: tipica, inconfondibile e strettamente legata al simbolismo pasquale.Come è noto infatti, nella tradizione cristiana, l’immagine ricorrente di questo volatile è legata ai concetti di speranza e di salvezza.
Ma non è solo la religione che arricchisce di significati positivi il tradizionale dolce di primavera: in realtà sono moltissime le culture mondiali in cui la colomba è accettata e rappresentata come simbolo di pace e prosperità, perciò, qualsiasi variante scegliate per questa Pasqua, che sia di buon auspicio a tutti!

I nostri migliori auguri genuini!